Al via una delle corse più famose al mondo, la “24 Ore di Le Mans“. Arrivata alla sua ottantacinquesima edizione, fin dal 1923 è la corsa endurance più famosa di sempre: il Circuit de la Sarthe, infatti, per molti è diventato un vero e proprio luogo di culto dell’automobilismo. La pista in cui si corre la 24 Ore di Le Mans è un circuito che misura quasi 14 km, uno dei più lunghi al mondo: nei rettilinei infiniti spesso le macchine sono arrivate a toccare velocità quasi impossibili. La corsa dura ventiquattr’ore filate, perciò quella di Le Mans è una pista che mette sotto sforzo i motori a lungo, portando molte volte al ritiro alcuni partecipanti. Alla endurance più famosa del mondo le vetture sono divise in quattro classi: LMP1, LMP2, LMGTE Pro e LMGTE Am. Sebbene la corsa sia concentrata principalmente sui prototipi, la storia è spesso stata fatta dalla “categorie minori”: si pensi, ad esempio, alla sempreverde rivalità sportiva tra Ford e Ferrari, iniziata a cavallo degli anni ’60.

Il momento decisivo della 24 ore di Le Mans 2016, il ritiro della Toyota TS050 che era in testa della corsa a pochi minuti dalla fine, foto: Getty Images / Ker Robertson
Il momento decisivo della 24 Ore di Le Mans 2016, il ritiro della Toyota TS050 che era in testa della corsa a pochi minuti dalla fine, foto: Getty Images / Ker Robertson

Tante emozioni sono legate a questa gara e l’hanno resa una tradizione: da sempre Le Mans è un appuntamento attesissimo, specialmente quest’anno, visto com’è andata a finire l’ultima edizione. Nel 2016, infatti, l’epilogo è stato tragico per casa Toyota: a pochi minuti dallo scoccare della ventiquattresima ora di gara, la ibrida giapponese guidata da Nakajima è stata costretta al ritiro, lasciando la prima posizione alla Porsche che poi vinse la gara. C’è anche da dire che la competizione non finisce una volta scoccata la ventiquattresima ora, anzi: tutte le vetture che partecipano alla gara francese continueranno la stagione endurance nei rispettivi campionati. Per quanto riguarda la LMP1, infatti, la 24 Ore di Le Mans è il terzo appuntamento stagionale del WEC: World Endurance Championship.


L’articolo completo è disponibile, per i soli associati alla Lulz Media Company, nell’area dedicata al magazine. È possibile associarsi – al costo di un euro a settimana – cliccando su questo link e seguendo le istruzioni. Per qualsiasi dubbio o richiesta scrivete una mail all’indirizzo info@thewisemagazine.it: riceverete una risposta il prima possibile.

CONDIVIDI
Articolo precedenteWynncraft: Minecraft cannot into MMORPG
Prossimo articoloThrilla in Manila: Alì vs Frazier, un epilogo sanguinario
Sono nato a Olbia il 30 giugno 1989, ma da sempre vivo a La Maddalena, cittadina dell'omonimo arcipelago. Coinvolto fin da piccolo negli sport (calcio e basket), ho sviluppato una passione per la disciplina sportiva in generale, nel conoscere e poter raccontare delle storie. Dopo essermi immatricolato all'Università di Pisa, presso la facoltà di Lingue e Letterature Straniere, ho preso parte al secondo progetto di IMDI.it, iniziando effettivamente a esercitarmi in quella palestra giornalistica che alla fine mi ha portato qui a theWise, coltivando il sogno nel cassetto di poter esercitare proprio la professione di giornalista. Appassionato principalmente di sport, sono anche un grande appassionato di musica: un amore tale che mi ha fatto imparare a suonare la chitarra e il basso. L'impegno che porta a conoscere quegli strumenti mi ha portato a un accrescimento della cultura musicale, sempre spinta da quel senso di curiosità iniziale. Punto a esplorare quei lati di artisti e gruppi che di solito passano in secondo piano, dando la possibilità di vedere una notizia sotto una luce diversa.