Autori di una deriva pop e a tratti mainstream (ormai più uno stato d’animo che un vero e proprio metro di misura musicale) delle sonorità math ed art rock che hanno popolato l’underground inglese nei primi anni Duemila, gli alt-J (sigla che sta ad indicare la combinazione dei tasti da premere – possedendo una tastiera britannica – su di un Mac per ottenere il carattere Delta) rappresentano pienamente l’animo geek e a tratti weird della musica indipendente degli ultimi anni, poi spinto, anche suo malgrado, verso i più vasti palchi generalisti.

Se dovessimo riassumere la carriera della band con una sola parola, dovremmo usare “ostinatezza”. Distintiva è infatti la cura quasi maniacale, scolastica, nella costruzione dei pezzi, ottenuta seguendo solo un certo gusto proprio, senza scendere a compromessi: un’ idea di suono che, paradossalmente, traspare chiaramente dalle sonorità a primo ascolto caotiche e barocche della band britannica (prima quartetto e poi trio) uscita lo scorso 2 giugno con il terzo e già discusso album, Relaxer.

alt-J

Gli inizi: An Awesome Wave

Gli alt-J nascono a Leeds nel 2007, dall’incontro di Gwil Sainsbury (chitarra e basso), Joe Newman (chitarra e voce), Gus Unger-Hamilton (tastiere e voce) e Thom Sonny Green (batteria). I quattro passano gli anni universitari a suonare in casa – cosa che, a detta del cantante Newman, contribuirà molto allo sviluppo del sound tipico della band, fatto di batterie mai troppo spinte, cori a cappella, sussurri e una certa predilezione per sonorità pulite e cristalline. Dopo la laurea firmano un contratto con Infectious Music e pubblicano l’EP (2011), preludio al primo LP, An Awesome Wave (2012).

An Awesome Wave risulta subito un album furbo, catchy al punto giusto e col proprio punto di forza nei testi, facilmente memorizzabili ma complessi il giusto per attrarre schiere di ascoltatori indie con manie d’intellettualismo. La ricetta degli alt-J è semplice ed efficace: partire da ballate pastorali e aggiungere il giusto groove, quindi contaminarle con sonorità elettroniche, ritmi cadenzati, tastiere (volutamente) cheap, a tratti stridenti o persino gommose, e una voce, quella del nostro Joe Newman, in bilico tra hip hop, gospel e folk, asettica eppure affascinante, sempre presente, mai fastidiosa.


L’articolo completo è disponibile, per i soli associati alla Lulz Media Company, nell’area dedicata al magazine. È possibile associarsi – al costo di un euro a settimana – cliccando su questo link e seguendo le istruzioni. Per qualsiasi dubbio o richiesta scrivete una mail all’indirizzo info@thewisemagazine.it: riceverete una risposta il prima possibile.

CONDIVIDI
Articolo precedenteVecchi Maalox di Grillo e nuovi equilibri di destra: le elezioni amministrative
Prossimo articoloWynncraft: Minecraft cannot into MMORPG
Inguaribile figlio degli anni Novanta, nato ormai ventitré anni fa tra i monti della Lucania, sono cresciuto a pane, marmellata e “Non è la Rai”. Trapiantato a Roma, studio presso la facoltà di Medicina e Chirurgia della Sapienza, e – nonostante la passione per la materia e i chiari progetti lavorativi (sogno, tra le altre cose, di fare divulgazione scientifica) – trovo sempre il modo migliore di rovinarmi i piani di studio e le ore minime di sonno grazie all’insano amore per la musica, che mi ha spinto a suo tempo ad imparare a suonare la chitarra. Appassionato di letteratura, scienze, arte, trash e arte del trash, scrivere su Il Meglio Di Internet (e collaborare col progetto theWise) è per me un modo per mettermi alla prova e migliorare innanzitutto me stesso, concretizzando quel che ho in mente, con la consapevolezza di contribuire a un progetto che racchiude freschezza, coerenza e anche la giusta dose di ambizione: un porto sicuro per menti curiose in mezzo a tanta immondizia mediatica, virtuale e non.