C’è ancora bellezza. O meglio: c’è sempre stata

Dopo l’impresa dell’Ajax il nostro giornalismo sportivo è salito di nuovo sul carro – abbandonato alla prima occasione utile – della bellezza calcistica