Da Capistrello (AQ) a Ibiza, passando per l’Accademia Italiana DJ, il percorso di Giuseppe Salustri, disk jockey e producer marsicano, ha attraversato tutto lo spettro della musica, partendo dalla classica per poi passare all’elettronica. In occasione dell’inizio dei lavori per il suo disco di debutto, Francesco Stati ha avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con lui: tanti i temi toccati, dagli inizi al futuro, passando per la situazione lavorativa nel settore e per i tanti ritiri dalla scena elettronica internazionale.

A metà articolo l’intervista video integrale.


Raccontaci come è nata la tua passione per la musica elettronica.

«Sin da piccolo ho manifestato grande interesse per la musica! Dall’età di tre anni ho iniziato ad avvicinarmi al pianoforte, che ho poi studiato per ben otto anni, e a undici anni ho iniziato a preparare il percorso per l’accesso al Conservatorio dell’Aquila dove, purtroppo, non sono riuscito a entrare [ride, N.d.R.]! Già a quell’età avevo sviluppato però una passione per la musica elettronica, una sorta di “altra sponda”, e così ho cominciato a studiare questo settore, a creare dj set a casa e a suonare alle festicciole dei miei amici: da lì è partito tutto, fino ad arrivare a due anni fa, quando ho iniziato il mio percorso di studio dentro la Accademia Italiana DJ che mi ha notevolmente aiutato a “sfondare” in questa scena».

Che impatto ha avuto l’Accademia sul tuo percorso, nell’evolversi della tua passione e sulla tua professionalizzazione?

«Ho passato quattro mesi nell’Accademia qui a Roma, e in questo pur breve lasso di tempo ho studiato sia l’area di produzione musicale sia l’ambito dei DJ set, con particolare focus sul vinile. In questo ambiente mi sono avvicinato al genere “Tech-house”, e da lì grazie all’aiuto del direttore Maurizio Iamartino e del professor Andrea Tamashi, che saluto, sono riuscito ad arrivare anche a suonare a Ibiza Global Radio, una emittente di risonanza mondiale nel settore! Grazie alla loro fiducia ho potuto passare gli ultimi due anni dietro le console di svariati locali di Ibiza, e una volta tornato in Italia, grazie a questa esperienza professionale, ho potuto avere molti più contatti lavorativi rispetto a quelli che mi avrebbe potuto garantire una realtà come quella del mio paese natale [Capistrello (AQ), 6000 abitanti circa, N.d.R.], a cui comunque resto sempre molto legato».

Giuseppe Salustri

Lavorare all’estero ha favorito il tuo inserimento professionale in Italia: questo grande salto da Capistrello a Ibiza, senza passare per la tappa intermedia, può essere legato alla tendenza, nel nostro Paese, a cercare persone “già formate”, anche nell’ambito della musica elettronica?

Per ciò che riguarda lo scenario tech-house e techno, ormai in Italia, secondo quella che è la mia esperienza personale, gli unici club in cui si suona questo genere di musica sono quelli più grandi, e questo perché qui da noi il genere che va per la maggiore è quello commerciale o, al più, EDM e “musica da grande festival” [Tomorrowland, Ultra Music Festival et similia, N.d.R.]… All’estero è tutto diverso: lì so come esprimermi, sono libero di suonare quello che più mi piace (e cioè la techno e la tech-house) e mi sento più a mio agio. Purtroppo come ho detto soprattutto nella mia zona ci sono solo grandi club che fanno questo tipo di serate, e non essendo io ancora nessuno di così importante mi trovo meglio all’estero dove il mio genere è più diffuso. Speriamo nel futuro prossimo di poter avere i numeri giusti per suonare anche qui, anche se nei confini nazionali qualche serata degna di nota l’ho fatta ed è stato sempre molto bello suonare a casa mia!»

 

C’è stata negli ultimi tempi una tendenza che ha visto molti grandi DJ della scena internazionale (come Hardwell, DeadMau5 o lo stesso Avicii prima che venisse a mancare) ritirarsi perché ritenevano i ritmi di questo lavoro troppo stressanti. Tu che ne pensi? Ti senti in qualche modo stressato in questa fase del tuo percorso?

«Guarda, può essere stressante perché in questa situazione spesso ti trovi a passare la maggior parte del tuo tempo su un aereo o comunque su un mezzo di trasporto, questo non lo metto in dubbio. I nomi che hai citato sono più vicini alla scena EDM, e se è vero che un Avicii o un Hardwell che mancano a Tomorrowland sono assenze pesanti che hanno una grande eco sul numeroso pubblico di eventi come questo, trovo che i loro ritiri dai tour siano sostanzialmente dovuti a questo continuo stress, a questo tran tran super frenetico che ti porta a svegliarti un giorno a Miami, il giorno dopo a Hong Kong, e nel frattempo hai passato metà giornata su un aereo! Gli affetti iniziano a venire a mancare, e prima o poi anche questi grandi nomi si ritirano dalle scene».

Giuseppe Salustri

Che progetti dobbiamo aspettarci per il futuro?

«In questo momento sto incidendo un disco, con la collaborazione dello staff dell’Accademia, e ho in programma di fare diverse serate in giro per l’Italia. Spero che questo prossimo lavoro possa vendere molto e aprirmi la strada verso nuovi orizzonti che in ogni caso, già da adesso, iniziano a essere concreti!»

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Sindaco, la “scatola trasparente” di Ismaele
Prossimo articoloGli attaccanti della nazionale non segnano più
Nato ad Avezzano nel cuore della Marsica, capistrellano di origini, vivo da sempre a Roma; al momento occupo in solitaria una modesta casetta, parte della quale subaffittata ai miei due gatti a una cifra onesta. Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali a "La Sapienza", attualmente sto finendo il mio ciclo di studi magistrali in Scienze Politiche alla LUISS e lavoro come cronista sportivo nei circoli calcistici della zona nord di Roma, oltre che per la testata EventiCulturali Magazine; oltre a essere un gattaro D.O.C. sono appassionato di calcio (ma sfortunatamente tifo Roma), ascoltatore compulsivo di musica di ogni genere, console gamer e, come la mia laurea potrebbe suggerire, malato cronico di politica nazionale ma anche estera, delle quali spesso mi diletto a scrivere; nel tempo libero metto su carta anche riflessioni, prose e poesie di scarso valore artistico. Dopo aver lavorato per diverso tempo in svariate redazioni, fra le quali IMDI.it e oltremedianews.it, ho deciso di fondare una testata tutta mia dove poter dare libero sfogo al mio desiderio di fare informazione e cultura: sto parlando proprio di theWise, che spero abbiate lo stesso piacere che ho io nel leggere. Oltre a essere fondatore e presidente della testata, mi occupo di politica interna, interviste e approfondimenti socio-culturali di varia natura, ma ogni tanto (piuttosto di rado in realtà) lavoro per davvero.