Non c’è due senza tre: Carpi, si vola ancora

Carpi
0 Condivisioni

Tris di vittorie per il Carpi che ora si ritrova a comandare da solo il campionato di Serie B: il sogno promozione continua.

Continua lo straordinario momento che il Carpi sta vivendo in questo principio di campionato di Serie B. Nonostante i dubbi e le incertezze presenti alla vigilia del torneo, squadra e allenatore stanno svolgendo un lavoro impeccabile quanto certosino, un impegno che sta garantendo risultati notevoli. Nel pomeriggio di ieri, in un contesto di collocazione abituale per la cadetteria, i Falconi hanno infatti ottenuto la terza vittoria su tre gare disputate, stavolta battendo una squadra discretamente in forma come la Salernitana.
Al pari delle altre gare il risultato da venerare è quello che regala contemporaneamente cinismo e punti pesanti: ancora 1-0, con un protagonista già visto nella prima giornata di campionato.

Dopo la panchina a La Spezia è infatti Malcore a rendersi nuovamente protagonista: il centravanti non perde il vizio del gol e sigla la rete decisiva – e bellissima – della partita, firmando dunque la seconda segnatura in due partite di campionato giocate quest’anno. Una media invidiabile che certifica uno straordinario momento di forma, così come le qualità insite di un calciatore arrivato persino troppo tardi nel calcio professionistico. E pensare che lo stesso Malcore partiva di nuovo dalla panchina: il destino ha voluto che fosse decisivo da subentrato, dopo l’infortunio di Manconi.

Carpi

Mister Calabro applaude i tifosi – FOTO: Carpi FC 1909/fotostudio silmar

Le parole dei protagonisti

Tris invidiabile per il Carpi dunque. Con un record nel record: per Simone Colombi si tratta del terzo clean sheet in campionato. La sua squadra, anche grazie alle sue importanti parate, è una delle uniche due compagini a non aver ancora subito gol, insieme al Venezia di Pippo Inzaghi.
Ottimi spunti da cui ripartire, come sa bene anche mister Calabro: “Non sono sorpreso, sono contento che abbiamo 9 punti e che ne mancano 41 alla conquista di un obiettivo importante e difficile da raggiungere. C’è molto da lavorare per migliorare in funzione delle prossime partite”, spiega l’allenatore del club. Impossibile esimersi dal dare un parere sull’uomo decisivo di questa gara: “L’anno scorso Malcore giocava in Serie D, la società è stata bravissima a portarlo qui. Potrebbe tranquillamente essere un titolare inamovibile ma per farlo deve migliorare ancora qualche aspetto. Il singolo è importante ma il lavoro di squadra è fondamentale: lui deve continuare a lavorare come sa”.

Anche il centrocampista Luca Verna ha voluto dire la sua sulla bella vittoria ottenuta: “Ovviamente non possiamo fare bilanci dopo appena tre gare ma queste vittorie non sono di certo frutto del caso e quindi ci fanno molto piacere”. Le difficoltà potrebbero arrivare in seguito ma il calciatore non sembra spaventato: “Il fatto di giocare partite ravvicinate non ci crea problemi: la Serie B è molto lunga, il mister saprà gestire benissimo le forze di tutti noi”. A ruota libera anche Alessio Sabbione: ““Siamo contenti di come abbiamo iniziato questo campionato, ma teniamo un profilo basso perché queste vittorie servono solo per iniziare a costruire il nostro obiettivo salvezza. C’è stata sicuramente una crescita rispetto alle prime due gare ma, a parte tutto, siamo sempre capaci di soffrire”.

Per la prima volta in questo campionato il Carpi dunque è al comando della classifica in solitaria, unica squadra a punteggio pieno di tutta la Serie B. Niente proclami, per carità: l’obiettivo sembra essere realmente quello della salvezza. Ma, come detto anche precedentemente, sognare non costa nulla. E con un Malcore così è impossibile non continuare a farlo.

Tabellino Carpi-Salernitana

FORMAZIONI
CARPI (3-5-2): Colombi; Sabbione, Poli, Ligi; Jelenic, Verna, Pasciuti, Hraiech (85′ Mbaye), Bittante (73′ Brosco); Mbakogu, Manconi (20′ Malcore). All. Calabro

SALERNITANA (4-3-3): Radunovic; Gatto, Tuia (67′ Pucino), Bernardini, Vitale; Ricci (46′ Sprocati), Perico, Minala; Rossi (46′ Rodriguez), Odjer, Bocalon. All. Bollini

AMMONITI: Mbakogu (C) – Rodriguez (S)

MARCATORI: 35′ Malcore (C)

ARBITRO: Pezzuto

0 Condivisioni

Claudio Agave

Studente presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università Parthenope di Napoli. Giornalista pubblicista dal febbraio 2017 dopo una lunga ma utile gavetta. Scrittore, con almeno due romanzi già in cantiere e alcune partecipazioni attive a progetti letterari. Ho gli interessi di molti (cinema, serie tv, doppiaggio, sport) e l'ambizione di voler vivere facendo ciò che amo. Insomma, in pillole: scrivo pezzi, faccio cose, vedo gente.