Finalmente Carpi: 3 punti contro crisi e passato

Carpi
0 Condivisioni

Dopo fin troppe giornate senza vittorie il Carpi torna a trionfare. E lo fa contro il lato più dolce del suo passato.

Finalmente possiamo tornare a dare una notizia che vorremmo sempre scrivere: il Carpi ha vinto. Lo ha fatto convincendo per gran parte della partita e conquistando dunque dei punti che sono serviti come il pane per mettere fine alla mini-crisi che la squadra stava attraversando. Mister Calabro – comunque mai in discussione – adesso può respirare alla grande, con una classifica che torna a sorridere come faceva precedentemente: piena zona playoff e vetta della graduatoria che dista soltanto un punto.

Carpi-Cesena è stata una partita da prime volte. Per esempio per Jelenic, che segna la sua prima doppietta con la maglia del Carpi. O per la squadra stessa, che mai prima di questa gara aveva segnato 2 gol nella stessa partita di campionato. Si è trattato, soprattutto, della prima volta da avversario per Fabrizio Castori, il tecnico del miracolo Serie A. Salutato sia dai suoi ex giocatori che dalla tifoseria con grande affetto e calore, l’allenatore dimostra di aver lasciato un gran ricordo nel cuore della gente e nella storia del club. Questo però non gli ha evitato un ko in una gara in cui ha fatto tutto il Carpi, prima con la doppietta già citata di Jelenic e poi con l’autogol in pieno recupero di Brosco. Vedremo se quest’affermazione sarà, come in molti sperano, un’occasione per tornare a macinare gioco e punti per più gare consecutive, al fine di rendere ancora più incerto ed entusiasmante questo campionato di Serie B.

Le parole dei protagonisti

Jelenic

Jelenic in procinto di segnare – FOTO: Carpi FC 1909

«Abbiamo fatto bene soprattutto nel primo tempo, mentre nella ripresa ci è mancata un po’ di lucidità», ha spiegato nel post partita mister Calabro. «Per noi era importante vincere dopo un periodo negativo, la Serie B è così e bisogna sempre essere molto attenti e determinati». Il tecnico spiega poi anche la scelta di schierare Jelenic: «Avevo bisogno di un centrocampista che seguisse le azioni offensive. Jele oggi è stato devastante in attacco. Lì in mezzo al campo anche Sabbione ha risposto bene all’esigenza. A livello tattico e fisico cerco sempre di schierare una formazione che penso possa far male all’avversario».

Proprio i due calciatori citati dal mister hanno poi parlato ai giornalisti dopo la gara. A stento trattiene la gioia il match winner Jelenic: «Sono contento della mia prima doppietta in Serie B, è un orgoglio. Il mio ruolo? Cerco di seguire il mister e dare il massimo dove mi chiede di giocare». Sabbione invece sottolinea soprattutto la prestazione di squadra: «Mentalmente abbiamo fatto una grande gara, abbiamo sofferto un po’ nel finale come nelle prime giornate di campionato ma siamo contenti di aver vinto questa partita importante».

Nonostante alcuni problemi (tra cui l’attacco che continua a non risultare esaltante e i gol siglati soltanto nelle prime frazioni di gioco) il Carpi riprende a marciare. Adesso però arriva la sfida più difficile: confermarsi su buoni livelli.

Tabellino Carpi-Cesena

FORMAZIONI
CARPI (3-5-2): Colombi; Poli, Anibal, Ligi; Pachonick, Verna, Sabbione, Jelenic (86′ Brosco), Pasciuti (49′ Saric); Nzola (68′ Carletti), Mbakogu. All. Calabro

CESENA (4-4-1-1): Agliardi; Fazzi, Esposito, Rigione, Di Noia (80′ Panico); Kupisz (73′ Moncini), Schiavone (60′ Vita), Kone, Dalmonte; Laribi; Jallow. All. Castori

AMMONITI: Jelenic, Poli, Carletti (CA) – Fazzi, Di Noia, Kone (CE)

MARCATORI: 3′ e 14 Jelenic (CA), 92′ aut. Brosco (CE)

ARBITRO: Pinzani

0 Condivisioni

Claudio Agave

Studente presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università Parthenope di Napoli. Giornalista pubblicista dal febbraio 2017 dopo una lunga ma utile gavetta. Scrittore, con almeno due romanzi già in cantiere e alcune partecipazioni attive a progetti letterari. Ho gli interessi di molti (cinema, serie tv, doppiaggio, sport) e l'ambizione di voler vivere facendo ciò che amo. Insomma, in pillole: scrivo pezzi, faccio cose, vedo gente.