Carpi sconfitto ma c’è poco da recriminare

Carpi sconfitto ma c’è poco da recriminare
0 Condivisioni

Nestorovski e il Palermo battono il Carpi nel turno infrasettimanale di Serie B. Ora serve fare punti con la Ternana per riprendere la zona playoff.

Sarebbe servita un’impresa al Carpi contro un Palermo nettamente superiore a livello di rosa. L’impresa purtroppo non è arrivata: i rosanero hanno ripreso a vincere dopo la prima sconfitta subita in campionato e quasi mai nella partita c’è stata storia. D’altronde i valori in campo erano stati chiari e il Palermo, senza timori di smentite, può essere considerato forse il gruppo più forte della Serie B e una delle squadre più quotate per quanto riguarda la promozione.

Il turno infrasettimanale ha regalato dunque la quarta sconfitta in campionato ai Falconi, che nel primo tempo erano già sotto 0-2 grazie alla doppietta di Nestorovski, il quale ancora una volta si è dimostrato attaccante di categoria superiore. Nella seconda frazione Sabbione ha provato a riaprirla ma – in maniera anche un po’ sfortunata – il Carpi ha perso il terzo gol di Embalo un minuto dopo aver accorciato le distanze, dicendo dunque addio ai sogni di gloria. Purtroppo la classifica vede i ragazzi di mister Calabro perdere parzialmente contatto con la zona playoff: il Carpi è ora quindicesimo, anche se a un solo punto dall’ultimo posto utile per la post-season. Nulla è ancora perduto per il sogno promozione ma al Carpi serve trovare maggiore continuità già dalla prossima gara in casa della Ternana, una partita importante che dirà molto sul momento della squadra.

Sabbione
Sabbione esulta dopo il gol dell’1-2 – FOTO: Carpi FC 1909

Le parole dei protagonisti

«Nel primo tempo avevamo preparato una partita che non siamo riusciti a fare, arrivavamo sempre dopo gli avversari anche se va detto che il Palermo ha segnato su calcio piazzato e su una deviazione. Il primo tempo non è piaciuto nemmeno a me, ma nella ripresa la squadra non ha mollato e ci ha provato fino alla fine, il Palermo non ha costruito nulla fino al terzo gol. Eravamo riusciti ad accorciare le distanze, poi il gol immediato dell’1-3 ci ha tagliato le gambe», ha spiegato Antonio Calabro ai microfoni dei giornalisti subito dopo la sconfitta.

Anche Luca Verna ha parlato della partita persa contro il Palermo: «Siamo partiti male, inutile negarlo. Il gol dopo pochi minuti ci ha messo in difficoltà, abbiamo provato una reazione già dopo il loro secondo gol nel finale di primo tempo e poi nella ripresa qualcosa di buono l’abbiamo fatto anche se sappiamo che dobbiamo fare di più. Se vogliamo vedere qualcosa di buono, cerchiamo di ripartire da quanto fatto nel secondo tempo». Qualcuno maligna che ci sia un problema di condizione fisico-atletica nella squadra: «Non credo che sia così, d’altronde anche a Vercelli l’abbiamo dimostrato. Ma adesso l’importante è concentrarci sulla gara contro la Ternana». Una gara, come detto, a suo modo già importantissima per il campionato di un Carpi che purtroppo adesso comanda in solitaria la classifica delle squadre con il peggiore attacco e che sembra aver parzialmente perso anche le sue certezze difensive.

Tabellino Carpi-Palermo

FORMAZIONI
CARPI (3-5-2): Colombi; Anibal, Poli, Ligi; Pachonik, Jelenic (76′ Yamga), Sabbione, Verna, Pasciuti (46′ Manconi); Nzola (61′ Malcore), Mbakogu. All. Calabro

PALERMO (3-5-2): Posavec; Cionek, Struna, Szyminski (78′ Accardi); Rispoli, Murawski, Dawidowicz (46′ Jajalo), Chochev, Rolando; Coronado (66′ Embalo), Nestorovski. All. Tedino

AMMONITI: Pasciuti, Sabbione (C)

MARCATORI: 10′ e 36′ Nestorovski (P), 82′ Sabbione (C), 83′ Embalo (P)

ARBITRO: Di Paolo

0 Condivisioni

Pubblicato da Claudio Agave

Studente presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università Parthenope di Napoli. Giornalista pubblicista dal febbraio 2017 dopo una lunga ma utile gavetta. Scrittore, con almeno due romanzi già in cantiere e alcune partecipazioni attive a progetti letterari. Ho gli interessi di molti (cinema, serie tv, doppiaggio, sport) e l'ambizione di voler vivere facendo ciò che amo. Insomma, in pillole: scrivo pezzi, faccio cose, vedo gente.