Miracolo Malcore: il Carpi torna a sorridere

Malcore
0 Condivisioni

Il Carpi torna alla vittoria e lo fa con una roboante prestazione di Giancarlo Malcore, assoluto protagonista contro l’Ascoli.

L’avevamo già individuato come uno dei protagonisti dell’inizio di stagione del Carpi ma stavolta si è ampiamente superato: Giancarlo Malcore, attaccante dei Falconi, ha siglato la sua prima tripletta in Serie B consentendo alla squadra di ottenere una sofferta quanto meritata vittoria nello scontro del Cabassi contro l’Ascoli. Nella prima delle due partite casalinghe consecutive dei ragazzi di Calabro abbiamo assistito forse alla definitiva consacrazione di un calciatore che solo pochi mesi fa calcava i campi di calcio della Serie D e che ora fa la differenza in una squadre importante e vogliosa di sognare.

Il 4-2 finale ha visto gioire anche Carletti per la prima volta in stagione, sfatando così il tabù dell’attacco per i padroni di casa: con le 4 reti di sabato il Carpi non si toglie di dosso l’etichetta di peggior attacco cadetto (in coabitazione con lo Spezia) ma si tratta di un grosso passo in avanti. E pazienza per i due gol presi: nel calcio, non dimentichiamolo mai, l’importante è siglare più reti dell’avversario. Il miracolo Malcore frutta anche un riavvicinamento poderoso alla zona playoff, che adesso dista soltanto un punto. Il sogno resta vivo, in attesa del prossimo impegno contro il Brescia che potrà dire tanto altro sul momento di forma del Carpi

Carpi

Il Carpi festeggia dopo una segnatura – FOTO: Carpi FC 1909

Le parole dei protagonisti

Mister Calabro al solito loda la prova dei ragazzi: «Ribaltare le partite in questo modo significa aver ritrovato spirito. Mi è piaciuta la reazione dopo il primo gol subito, a differenza di altre volte ho visto furore agonistico nei miei ragazzi. Alla vigilia non pensavano ad un risultato così eclatante, anche se ero certo avremmo fatto una prestazione positiva. Sarò banale, ma quando ritrovi lo spirito le cose diventano normali. Siamo giovani ed abbiamo bisogno di una forte spinta, i ragazzi devono pensare a correre con intensità ed entusiasmo». Impossibile non spendere una parola su Malcore: «Sapevo che sarebbe stato determinante. Le vittorie sono sempre di squadra ma quando si gioca bene in gruppo ovviamente emerge meglio la qualità dei singoli».

Il grande protagonista del pomeriggio non sta nella pelle: «Ricorderò questa giornata per parecchio tempo. Il merito della vittoria è di tutti, abbiamo fatto una gran prova di forza, soprattutto perché venivamo da un periodo difficile e oggi era importante vincere. Avevo già siglato una tripletta al Manfredonia, in Serie D. Dedico questi tre gol a tutta la mia famiglia e a chi mi segue volendomi bene». In gol è andato anche Carletti, peraltro proprio su assist di Malcore: «Il mio primo gol nei professionisti è un’emozione fantastica, non la scorderò mai. Malcore mi ha dato un grande assist, ha fatto una grande partita, ha il fiuto del gol e l’ha dimostrato», ha spiegato la punta. Secondo risultato utile consecutivo per il Carpi, il quarto nelle ultime cinque gare. Il lavoro paga e i ragazzi di Calabro lo stanno dimostrando.

Tabellino Carpi-Ascoli

FORMAZIONI
CARPI (4-4-2): Colombi; Pachonik, Brosco, Ligi, Poli; Saric, Verna, Mbaye, Belloni (72′ Anibal); Malcore (89′ Romano), Nzola (79′ Carletti). All. Calabro

ASCOLI (4-3-3): Lanni; Mogos, Mengoni, Cinaglia, Mignanelli (79′ Rosseti); D’Urso (59′ Santini), Buzzegoli, Bianchi; Clemenza, Favilli, Parlati (65′ Lores). All. Fiorin

AMMONITI: Nzola, Carletti (C) – Bianchi, Mogos (A)

MARCATORI: 19′ Parlati (A), 27′, 40′ e 54′ Malcore (C), 46′ Favilli (A), 83′ Carletti (C)

ARBITRO: Saia

0 Condivisioni

Claudio Agave

Studente presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università Parthenope di Napoli. Giornalista pubblicista dal febbraio 2017 dopo una lunga ma utile gavetta. Scrittore, con almeno due romanzi già in cantiere e alcune partecipazioni attive a progetti letterari. Ho gli interessi di molti (cinema, serie tv, doppiaggio, sport) e l'ambizione di voler vivere facendo ciò che amo. Insomma, in pillole: scrivo pezzi, faccio cose, vedo gente.