Il rinvio delle elezioni in Algeria

Algeria
13 Condivisioni

In Algeria ormai il caos politico ha raggiunto il culmine. Diverse settimane di protesta sono culminate con il ricovero del presidente Bouteflika in Svizzera, ufficialmente per problemi cardiaci, in realtà per sottrarsi all’ira dei rivoltosi e per evitare possibili attacchi. All’inizio di marzo il presidente ha fatto ritorno, non prima di annunciare che non si sarebbe ricandidato per la quinta volta come presidente alle elezioni algerine di aprile. All’annuncio le manifestazioni di protesta sono diventate cortei di giubilo, ma alcuni giorni dopo lo stesso Bouteflika ha provveduto a fermare l’entusiasmo rinviando di diverso tempo le elezioni.

Secondo quanto espresso dal presidente, le elezioni algerine si terranno dopo la riforma costituzionale e dell’ordinamento che dovrebbe avere luogo entro la fine del 2019, il che porta una possibile data per le elezioni al 2020. L’annuncio ha fatto tornare le persone in piazza, a meno di una settimana dalla conclusione delle manifestazioni. Il timore, infatti, è quello che in tale spazio di tempo Bouteflika si cerchi un delfino che ne prenda il posto come guida dell’Algeria, bloccando così la naturale alternanza al potere delle democrazie.

AlgeriaBouteflika è salito al potere per la prima volta nel 1999 come candidato indipendente, sostenuto però dai militari. Vinse con il 74% delle preferenze, dopo il ritiro di numerosi contendenti che denunciarono una serie di brogli. Il governo Bouteflika si è sempre contraddistinto per una forte presa dello Stato sulla vita delle persone e sulll’economia. Il primo mandato venne caratterizzato da un piano economico quinquennale per il rilancio del Paese, composto di diversi “sottopiani” (uno per l’agricoltura, uno per l’edilizia e le infrastrutture e via dicendo). Il tasso di crescita dell’Algeria tenne ritmi molto elevati per tutta la prima parte degli anni Duemila.

I problemi maggiori vi furono sul versante dell’ordine pubblico, con la primavera nera del 2001 in Cabilia, regione a maggioranza berbera. Alle elezioni del 1999 la Cabilia registrò il 5% di affluenza e, durante la campagna elettorale, Bouteflika venne preso a pietrate durante il suo passaggio nella regione. La ragione di tanto odio focalizzato in quella parte dell’Algeria è l’accento nazionalista arabo con cui Bouteflika ha sempre condito la propria azione politica. Questo, insieme a diverse affermazioni e rassicurazioni sul fatto che il berbero non sarà mai lingua ufficiale del Paese, ha seriamente danneggiato i rapporti con la comunità berbera.

Vent’anni dopo, la situazione è cambiata per Bouteflika: buona parte dell’Algeria, dopo gli insuccessi nel medio termine dei piani quinquennali, gli è contro. Persino il suo partito (lo storico FLN, Fronte di Liberazione Nazionale) negli ultimi giorni lo ha abbandonato, con il suo attuale leader Djamel Abbes che ha scaricato l’ormai ex uomo di punta del partito. Le settimane precedenti sono state caratterizzate da continui scioperi, in cui i maggiori sindacati del Paese sono scesi in piazza, oltre a proclamare una serie di scioperi parziali.

AlgeriaAlcuni partiti dell’opposizione si sono riuniti nel Coordinamento Nazionale per il Cambiamento (CNC), volto a creare una piattaforma di proposte in vista di una transizione immediata verso un regime maggiormente democratico. Tra i punti, un diverso approccio all’idea di Paese e la limitazione dell’esercito alle sole questioni che la costituzione gli affida. La piattaforma, ufficialmente annunciata da un gruppo, trasversale tra islamisti e socialisti, di «cittadini preoccupati per il futuro dell’Algeria», ha suscitato reazioni miste tra i membri dell’opposizione. Le reazioni negative derivano da una sorta di sfiducia data dal non sapere quali gruppi d’interesse stiano effettivamente alle spalle del CNC.

Le principali teorie sul chi stia dietro al CNC sembrano convergere sul FIS, il Fronte Islamico di Salvezza, partito bannato dalla vita politica del Paese dopo aver scatenato il conflitto che sarebbe sfociato, nel 1991, in una guerra civile durata fino al 1999. Il rifiuto di tali piattaforme ha provocato l’intensificazione delle proteste negli ultimi giorni e un rinnovato rischio di violenze, cui il partito di Bouteflika ha reagito ponendosi dalla parte dei manifestanti e, pertanto, tagliando i ponti con il presidente uscente.

L’Algeria ha una storia ultratrentennale di conflitti irrisolti e di cattiva gestione del Paese, per non parlare dell’approccio alla partecipazione popolare alla cosa pubblica che è spesso stato pressoché inesistente. Soprattutto negli ultimi vent’anni, poi, l’inclusione delle minoranze all’interno della vita politica algerina è stata pressoché nulla. Questo necessariamente porta una nazione, presto o tardi, al collasso sociale e, in definitiva, alla rottura del contratto tra Stato e cittadini. L’Algeria è uno degli esempi più vicini all’Europa di come la tipologia di Stato nata e creata in Occidente non sia esportabile in copia carbone in altri contesti con storia e culture molto diverse rispetto a quelle europee.

13 Condivisioni

Carlo Paganessi

Sono nato in una notte afosa del luglio 1988 in Friuli Venezia Giulia sul confine con il Veneto, ma i primi diciannove anni della mia vita li ho vissuti in Veneto sul confine con il Friuli Venezia Giulia. Sono diplomato in Ragioneria. Nove anni dopo aver lasciato la galassia della pedemontana trevigiana non mi sono ancora fermato: il mio stile di vita, ormai diventato nomade, mi ha portato a Gorizia per frequentare il corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche, a Moedling per lavorare all'Accademia Internazionale Anti Corruzione di Laxenburg, poi sono seguite Trieste per il lavoro con Genertel, Milano con l'Esposizione Universale e ora (al momento) Bratislava per lavorare con Amazon. Mi piace leggere, ascoltare musica e, ovviamente, scrivere. Per theWise scriverò principalmente di Politica Estera e Geopolitica: nel periodo trascorso a Gorizia ho cominciato a vedere il mondo come un orologio composto da sette miliardi di ingranaggi. Assieme a voi cercherò di capirne il funzionamento e di comprendere come gli avvenimenti nel mondo possano condizionare la vita delle persone. Tematica collegata che mi sta particolarmente a cuore è quella relativa alla Sicurezza Internazionale, settore del quale mi sono occupato sin dai tempi delle superiori e su cui ho gestito un gruppo di studi specializzato per oltre quattro anni. Credo che il terrorismo si sconfigga anche attraverso una corretta gestione dell'informazione ed è per questo che scrivo per theWise. Scrivo anche in un blog personale dove, tempo permettendo, cerco di portare qualche notizia di attualità (https://tractatusdesphaera.wordpress.com) oltre che per IMDI – Il Meglio Di Internet (http://ilmegliodiinternet.it/author/carlo_paganessi/).