La Benemerita. I Carabinieri a Scandiano, Casalgrande e Viano

La Benemerita. I Carabinieri a Scandiano, Casalgrande e Viano
0 Condivisioni

Sabato 9 aprile nel salone d’Onore della Rocca dei Boiardo a Scandiano, alla presenza delle autorità civili e militari, è stato presentato il libro “La Benemerita. I Carabinieri a Scandiano, Casalgrande e Viano”.

Questo volume, degli autori scandianesi Marco Montipò e Marco Capriglio, è una ricerca sulla storia dell’Arma dal Risorgimento al giorno d’oggi nei Comuni di Scandiano, Casalgrande e Viano, in provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna. L’opera ricostruisce la storia locale dell’Arma dei Carabinieri in questi territori partendo dall’apertura della prima stazione a Scandiano, avvenuta il 24 aprile 1860. Ad intervallare la disamina, sono state inserite biografie di militari che si sono contraddistinti per il loro valore e per le loro azioni. Fra questi è possibile menzionare, fra gli altri, Daniele Ferrari, sopravvissuto alla battaglia di Culqualber, al quale è intitolata la caserma di Scandiano, sede della Tenenza, e la storia del generale Carlo Terenziani, originario di Casalgrande, il quale è arrivato a ricoprire il ruolo di vicecomandante generale dell’Arma dei Carabinieri. Ad arricchire la trattazione sono presenti interviste ad alcuni militari, oggi in congedo, che hanno comandato le caserme di Scandiano e Casalgrande. Il volume è corredato di numerose fotografie, rinvenute negli archivi durante le ricerche e fornite dagli interessati o dai loro famigliari.

Leggi anche: Il generale Carlo Terenziani, da Reggio Emilia al vertice dell’Arma

La presentazione non ha potuto essere aperta al pubblico, perché i cento posti a sedere disponibili sono andati esauriti ancora prima della promozione dell’evento sui social e sui giornali. «Una partecipazione davvero eccezionale che non può che riempirci di orgoglio – dicono gli autori – un risultato sorprendente che testimonia come la tematica dell’Arma dei Carabinieri sia assolutamente d’interesse da parte della popolazione». La buona riuscita dell’evento è stata dovuta anche all’ ineccepibile organizzazione da parte dell’Associazione Nazione Carabinieri Scandiano, che si è dimostrata ancora una volta vicina al proprio territorio. Lo sponsor dell’evento è Enrico Grassi, presidente di E80 Group, che ha permesso la pubblicazione del libro.

L’evento ha visto anche la partecipazione di numerose autorità: dalla consigliera regionale Roberta Mori, al Comando Provinciale dei Carabinieri, dalla Questura alle associazioni di volontariato del territorio, oltre che al sindaco di Scandiano Matteo Nasciuti, ai presidenti delle varie Sezioni dell’Associazione Nazionale Carabinieri del territorio reggiano e alla Tenenza di Scandiano.

L’intero ricavato sarà devoluto all’Opera Nazionale di Assistenza per gli orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri (ONAOMAC), ente morale che si propone di assistere, fino al conseguimento della laurea, gli orfani dei militari dell’Arma dei Carabinieri di qualsiasi grado.

Per dare modo a tutti di potere partecipare alla presentazione del libro si è deciso di fare un secondo incontro che si svolgerà giovedì 21 aprile alle ore 21 presso la sala superiore del Cinema Teatro Boiardo di Scandiano.

In copertina una foto della presentazione. Crediti: Mauro Barbieri.

0 Condivisioni