Bonus casa 2024: il migliore non è più il Superbonus, ma quest’altro molto più conveniente fino al 2025

C’è un Bonus edilizio che nel 2024 risulterà più conveniente rispetto al Superbonus e può essere chiesto da tutti i cittadini. Pronti a ristrutturare casa?

La Manovra 2024 conferma e modifica la maggior parte dei Bonus per la casa mentre cancella il Bonus case green. Durante tutto il 2024 sarà possibile utilizzare ancora i Bonus edilizi. Sarà ancora attivo l’Ecobonus con detrazione tra il 50 e il 65% per i privati e tra il 70 e il 75% per i condomini, il Bonus ristrutturazione con detrazioni al 50%, il Bonus verde con detrazione massima di 1.800 euro e il Superbonus.

Il Bonus casa da richiedere nel 2024
Bonus casa: quale permetterà un risparmio maggiore (Thewisemagazine.it)

Quest’ultima misura, però, avrà un’aliquota più bassa rispetto all’anno in corso ossia del 70%. Nel 2025, poi, scenderà ulteriormente arrivando al 65%.

C’è, poi, un altro Bonus per la casa utilizzabile il prossimo anno. Parliamo del Bonus eliminazione delle barriere architettoniche. Permette una detrazione al 75% risultando più conveniente del Superbonus. Tanti cittadini pensano che sia richiedibile solo se nel nucleo familiare è presente un componente con disabilità o un anziano. In realtà può essere richiesto da chiunque effettui gli interventi ammessi.

Bonus eliminazione barriere architettoniche, come funziona

Il Bonus è dedicato ai contribuenti che effettuano lavori per l’eliminazione delle barriere architettoniche in edifici già esistenti. Possono avere accesso alla misura sia le persone fisiche che le imprese.

Ristrutturare casa con il Bonus barriere architettoniche
Ristrutturare casa con il Bonus barriere architettoniche (Thewisemagazine.it)

Nel 2024 si potrà accedere sia alla cessione che alla detrazione e allo sconto in fattura. Massima convenienza rispetto al Superbonus avendo un’aliquota maggiore, del 75%. La misura può essere chiesto fino al 31 dicembre 2025.

Per quanto riguarda i tetti di spesa vanno da 30 mila e 50 mila euro in base alla tipologia dell’edificio.

  • 30 mila euro per le unità immobiliari di edifici con più di otto unità immobiliari moltiplicati per il numero delle unità immobiliari presenti nell’edificio,
  • 40 mila euro per le unità immobiliari di edifici con unità immobiliari tra due e otto moltiplicati per il numero delle unità immobiliari presenti nell’edificio,
  • 50 mila euro per gli edifici unifamiliari e unità immobiliari poste in edifici plurifamiliari indipendenti, con uno o più accessi autonomi dall’esterno.

Tra le spese ammesse al Bonus barriere architettoniche troviamo la sostituzione di pavimenti, finestre e porte troppo piccole, il rifacimento di impianti tecnologici, il rifacimento di scale, l’installazione di ascensori, la rimozione di scalini. E anche l’adeguamento dei servizi igienici o di citofoni o altri strumenti. Gli interventi dovranno rispettare i requisiti tecnici della normativa di settore e avere come fine la rimozione edilizia per eliminare barriere architettoniche.

La detrazione dovrà essere ripartita in cinque rate annuali di pari importo. In alternativa, come accennato, c’è la cessione del credito o lo sconto in fattura.

Impostazioni privacy