ETF: lo strumento del momento

0 Condivisioni
Al giorno d’oggi, un qualsiasi soggetto che abbia intenzione di risparmiare troverà infruttuoso – o, meglio, oneroso – lasciare il proprio denaro nel proprio conto corrente. A causa dei bassi tassi di interessi, infatti, la remunerazione dei conti correnti è praticamente nulla, e chi ha intenzione di far fruttare le proprie fatiche dovrà spostarsi su altri strumenti. La possibilità di scelta da questo punto di vista non è mai stata così ampia: un investitore, un trader o un qualsiasi soggetto con un sovrappiù di denaro ha la possibilità di acquistare servizi e strumenti diversissimi. Comprensibilmente, per lavorare in questi mercati è necessario avere delle conoscenze di base e studiare, se si vuole operare da soli, oppure affidarsi a esperti, per stare relativamente tranquilli.
Gli strumenti acquistabili oggi sono di diversi tipi: si va dalle azioni ai futures, ai fondi comuni alle sicav, dagli ETF alle opzioni. Tra tutte le possibilità menzionate, ad aver attirato l’attenzione di moltissimi soggetti sono gli ETF. Gli ETF, Exchange traded fund, sono uno strumento molto semplice e quindi comprensibile ai più: quello su cui si fonda questo strumento è la replicazione perfetta – o quasi – dell’andamento di un indice. Quando si acquista un ETF, insomma, si acquista l’indice nella sua interezza: se il FTSE MIB segna – a fine giornata, mese o anno – uno +0,1%, noi avremo guadagnato lo 0,1% sulla somma investita in ETF per lo stesso periodo di tempo.
Gli ETF non sono uno strumento nuovo, dato che sono presenti sul mercato già da diverso tempo, ma hanno avuto un’importante crescita solo negli ultimi anni, favoriti dalla disintermediazione e dalla diffusione di internet. Gli ultimi dati riportano che gli asset sotto la gestione degli ETF ammontano a oltre 4.000 miliardi, in costante crescita: una cifra incredibile, se si pensa che nello stesso periodo dello scorso anno si superavano di poco i 3.000 miliardi, e che nel 2003 i capitali gestiti da questa particolare categoria di fondi erano solo 200 miliardi. Quali sono le cause di questo aumento? Da dove nasce la fame per gli ETF?
ETF

Asset globali sotto la gestione degli ETF. Fonte: Statista.

L’articolo completo è disponibile sul nostro magazine alle pagine 24-27.

0 Condivisioni

Domenico Sorice

Sono Domenico, sono nato a Napoli nel 1995 e durante la mia (breve) vita, per scelte che in quel momento non competevano a me, dall’avellinese mi sono trasferito nella ridente provincia di Treviso. Questo dettaglio, seppur piccolo, è rilevante perché mi ha reso quello che sono, facendomi sviluppare una buona capacità di adattamento e una visione realistica del mondo. Studente e appassionato sono le due parole che mi descrivono al meglio: i due termini spesso coincidono su determinati temi. Studente di economia, finanza e marketing, appassionato di arte, tecnologia e letteratura. La mia formazione comincia con la frequenza di un istituto tecnico commerciale e informatico. Finito il primo ciclo mi iscrivo all’Università Ca’Foscari di Venezia al corso di studi in Economia Aziendale, che seguo tutt'ora, dove sto approfondendo le mie conoscenze negli ambiti economico, aziendale e finanziario. In questo periodo accresco la mia passione per la finanza, cercando di apprendere anche al di fuori dell’università, attraverso associazioni e corsi. Il mio percorso e la mia esperienza mi hanno insegnato che dei rudimenti di economia sono indispensabili a tutti: chiunque, nella giornata, incontra situazioni in cui avrebbe potuto agire in maniera più appropriata se solo avesse avuto delle conoscenze minime oppure nutre delle curiosità in merito a comportamenti, istituzioni, compagnie: questo il motivo per cui scrivo, per spiegare, coinvolgere e chiarire. Durante gli studi, sia scolastici che universitari, mi avvicino all’arte da “profano”, con curiosità, e cercando di carpire quanto più possibile, pur non avendo seguito percorsi specifici. Lo stesso avviene per la letteratura, che mi interessa e attira, a cui mi approssimo mantenendo comunque una posizione da esterno, da osservatore. La mia esperienza comincia con il sito Il Meglio Di Internet e continua con theWise. In questa nuova opportunità vorrei portare in alto quello in cui credo: chiarezza e competenza.