I numeri da sogno di Game of Thrones

Game of Thrones
22 Condivisioni

Finalmente è arrivata. La prima puntata dell’ottava stagione della serie di Sky più amata in Italia, Il Trono di Spade, è andata in onda lunedì notte in Italia alle 03.00 su Sky Atlantic, in contemporanea con gli Stati Uniti. La lunga attesa dei fan è dunque finalmente finita: l’ultimo episodio della settima stagione era andato in onda il lontano 28 agosto 2017, quasi due anni fa. Tuttavia, la lunga assenza dalla scena non ha intaccato i numeri da record che la serie del Trono ha registrato in tutto il mondo. Vediamo dunque di spiegare meglio il suo impatto sul pubblico televisivo attraverso alcuni dati. Prima di leggere questo articolo, sappiate che sono presenti degli spoiler sull’ultima puntata.

Game of thrones

Partiamo dal numero di spettatori. Se avete fatto le tre di notte per vedere il primo episodio della stagione non sentitevi soli: a guardarlo con voi c’erano trecentomila spettatori italiani. In Italia sia la diretta nel cuore della notte sia la replica delle 21.15 hanno ottenuto il 19% di share. Un grande successo per Sky Atlantic, un canale a pagamento che, nel 2015, nel nostro Paese ebbe una media annuale di share del 0.09%. Il fenomeno GOT non si è limitato ai confini nazionali: in Germania sono rimaste sveglie seicentomila persone per rivedere Jon Snow e compagni. Il record assoluto europeo lo detiene però l’Inghilterra, dove più di tre milioni di spettatori hanno seguito la puntata, diventata subito l’evento notturno più seguito nella storia delle pay TV. Infine, negli Stati Uniti sono aumentati i fan rispetto alla settima stagione. Se la prima puntata di questa portò 16.1 milioni di spettatori e l’ultima 16.9, domenica sera negli USA se ne sono raggiunti 17.4 milioni.

Prendiamoci un momento per renderci conto che quella andata in onda lunedì è l’ultima premier di Game of Thrones. Probabilmente, con questa serie finiranno gli eventi serali mondiali come quello di lunedì notte brevemente descritto sopra. Infatti, sempre meno serie TV sono ancora mandate in onda in televisione settimanalmente. Se escludiamo Il Trono di Spade, gli spettatori stanno prediligendo sempre di più le serie come quelle di Netflix o Amazon Prime, in cui tutti gli episodi vengono pubblicati in contemporanea e possono essere visti addirittura nel corso della stessa giornata. Forse lunedì notte è stata realmente la fine di un’era, perché Game of Thrones è probabilmente l’ultima fortezza della tv tradizionale.

game of thrones

Mentre attendiamo le nuove, più lunghe, puntate di Game of Thrones, il sito IMDb (Internet Movie Database) riporta alcuni dati sulle passate stagioni. Ecco alcuni dei numeri più interessanti:

  • La serie conta 73 episodi in totale e gli episodi dell’ottava stagione sono stati i più costosi da realizzare: ognuno infatti è costato circa quindici milioni di dollari. Per fare un confronto, il primo episodio della prima serie ne è costato solo cinque, mentre la puntata più costosa delle stagioni precedenti è stata La battaglia dei bastardi (6×09), che ha richiesto un esborso di undici milioni di dollari.
  • Per quanto riguarda i compensi, gli attori pagati di più sono Kit Harington (Jon Snow) ed Emilia Clarke (Daenerys Targaryen), che percepiscono cinquecentomila dollari a puntata. La metà di quanto hanno percepito i tre membri del cast originale di The Big Bang Theory per l’ottava stagione.
  • Le morti umane mostrate in scena sono state 1211. Di queste, tredici sono avvenute per decapitazione, cinquantuno per avvelenamento (quarantacinque in un solo episodio per mano di Arya) e ottantatré a causa del fuoco di un drago. Questi numeri non tengono in considerazione le innumerevoli morti delle battaglie e le successive rinascite in forma di non-morti. Inoltre, è degna di nota anche la morte di un drago adulto, Viserion.
  • La frase più detta nel corso della serie è «Re del Nord!» pronunciata ottantotto volte, seguita dalle quindici volte di «Winter is coming». La parola più detta è invece «Hodor», che si ripete ben centouno volte.
  • Sei persone si sono sedute sul Trono di Spade.
  • Infine, Tyrion Lannister dedica il 43% del suo tempo in scena a bere vino (complessivamente, circa due ore, 24 minuti e 48 secondi).

Game of Thrones

«Ogni battaglia, ogni tradimento, ogni rischio, ogni lotta, ogni sacrificio, ogni morte. Tutto per il Trono»: così HBO ha scritto sul suo profilo Twitter per annunciare l’inizio della nuova stagione, scatenando la fantasia dei fan sui possibili futuri scenari. I sette regni sopravvivranno alle gelate mortifere dell’Inverno e i sovrani continueranno a fare i sovrani? Si vedrà: le possibilità sono illimitate e alcuni hanno perfino visto la serie concludersi con la nascita di una Repubblica.

Ciò che è certo è che non mancherà l’azione. I produttori di Game of Thrones hanno dichiarato che una battaglia (non si sa ancora quale) che avverrà in questa ultima stagione ha richiesto un mese per essere girata. Inoltre, gli ultimi quattro episodi dell’ottava stagione saranno ventidue minuti più lunghi rispetto alla media. Molte sono le coppie da tenere d’occhio oltre a quella formata da John e Daenerys. Ha fatto molto discutere lo sguardo avvenuto nell’ultima puntata tra Jamie e Bran, un richiamo alla prima puntata della prima stagione. Un altro interessante incontro è quello più affettuoso tra Arya e Gendry, una Stark e un Baratheon, le due famiglie che avrebbero dovuto unirsi per il Trono fin dall’inizio. Solo il tempo e le nuove puntate potranno svelare quale famiglia sarà vincente nella battaglia per il Trono.

22 Condivisioni

Pietro Lepidi

Sono nato a Roma, classe 1998, e ho vissuto tra Padova, Roma e Bordeaux. Da liceale ho sempre avuto una passione per la rappresentanza politica testimoniata dalla carica di Presidente della Consulta degli Studenti del Veneto. Adesso a Roma studio per fondere attività pratica con conoscenze teoriche. In questo giornale mi focalizzerò sui diritti civili e politici. In un mondo che si prende in giro, facciamo i seri.