Marcus Thuram, l’enfant prodige della Bundesliga

Marcus Thuram, giocatore del Borussia M'Gladbach. Foto: twitter.com/borussia_en
10 Condivisioni

Marcus Thuram è uno degli attaccanti più interessanti del momento. Non solo perché, in attesa che riprendano i campionati, la Bundesliga è una delle competizioni seguite con più interesse, ma anche perché il giovane attaccante sta avendo un ottimo rendimento rispetto al corso della stagione prima della pausa forzata dal Covid-19. Del resto, la Bundesliga è diventata − momentaneamente, per forza di cose – il palcoscenico che mette in mostra i grandi talenti di oggi e del prossimo futuro, tra cui lo stesso Marcus Thuram.

Andando a vedere perché questo giocatore possa risultare un profilo interessante, c’è sicuramente da dire come sia una punta “moderna”. Ovvero fisicamente forte, molto tecnica e con un’ottima progressione palla al piede. Alla prima stagione in Bundesliga, Marcus è diventato il partner perfetto di un altro francese che gioca per il Gladbach, Alassane Pléa. Il duo è molto affiatato e durante la stagione ha fatto le fortune di un Mönchengladbach attualmente in corsa per un piazzamento alla prossima Champions League.

Marcus, un finalizzatore, giocatore tecnico e veloce che fa impazzire le difese. L’altro, Alassane, una punta che aiuta tantissimo la squadra e serve passaggi decisivi che portano al gol. Prendendo in prestito il gergo del basket, Pléa sarebbe un giocatore da “doppia doppia”, ovvero che ha realizzato almeno dieci gol e dieci assist. Da quando il campionato tedesco è ripartito il 16 maggio, il figlio di Lilian Thuram ha segnato quattro reti in quattro match giocati. Una media molto buona che ha attirato l’interesse − apparentemente – di diverse squadre, tra cui molte di Serie A.

Leggi anche: Giovanni Reyna, il nuovo ragazzo terribile di Favre.


Tale padre, tale figlio: Marcus Thuram alla Juve?

Come detto in precedenza, Marcus Thuram è un figlio d’arte. È nato a Parma quando suo padre giocava in Emilia con i ducali e ha seguito le sue orme all’interno del rettangolo verde. Lilian Thuram era un difensore molto amato dai tifosi di Parma e Juventus, mentre Marcus è una punta. Sebbene sia portato più alla fase offensiva che a quella difensiva, il giovane Thuram rivolge la sua difesa a sono battaglie politiche, elemento che ha in comune con il padre.

Marcus Thuram infatti si è fatto sentire, assieme ad altri calciatori di Bundesliga come Jadon Sancho e Achraf Hakimi del Borussia Dortmund e Weston McKennie dello Schalke 04. I giocatori si sono resi protagonisti di un gesto simbolico, per manifestare la loro vicinanza alla vicenda dell’omicidio di George Floyd da parte delle forze di polizia della città di Minneapolis. Hanno scelto di omaggiare il movimento Black Lives Matter. Chi inginocchiandosi alla Colin Kaepernick, chi mostando una maglia con su scritto “Justice for George Floyd”.

Marcus, durante la partita interna contro l’Union Berlin, ha scelto di esultare portando il ginocchio a terra, dopo aver realizzato il gol del 2-0, in una partita dove è andato a segno per due volte. Oltre alla bellezza di entrambe le realizzazioni – primo gol su un colpo di testa, secondo su un tap-in – a far parlare è stata proprio l’esultanza in occasione del momentaneo 2-0 del Borussia Mönchengladbach sull’Union Berlin. Inizialmente si pensava che la Federcalcio tedesca potesse in qualche modo multare i giocatori che hanno compiuto simili gesti sul campo, arrivando a scomodare anche il Presidente della FIFA Gianni Infantino, che a sua volta ha preso le difese dei calciatori, elogiando la loro scelta di impegnarsi politicamente in questa questione così delicata.

Leggi anche: L’America “non respira” ancora.

Calciatori contro il razzismo

Come detto in precedenza, sia Marcus che Lilian condividono attivamente  questo interesse comune, soprattutto per quanto riguarda il rispetto dei diritti delle minoranze e la lotta al razzismo. L’ex-difensore, campione del mondo con la Francia, durante gli anni si è trovato a rappresentare delle battaglie che trattano argomenti delicati. Ne sono esempio i matrimoni gay e la possibilità di adottare i figli da parte di coppie di fatto. Inoltre, Lilian Thuram ci mise la faccia personalmente. Infatti, rispose a Jean-Marie Le Pen riguardo a una nazionale francese composta da “troppi neri” nel lontano 1998.

Oltre ad aver percorso le orme del padre dal punto di vista dell’attivismo, Marcus potrebbe fare lo stesso percorso di carriera. Il rendimento di un ragazzo alla prima stagione in un campionato di massima divisione nazionale non passa certamente inosservato. Tra le interessate ad accaparrarselo nella prossima stagione ci sarebbe la Juventus, squadra in cui Lilian Thuram ha giocato per cinque stagioni ad altissimi livelli. A rendere il tutto molto curioso, il giovane attaccante del Borussia Mönchengladbach attualmente è rappresentato da Mino Raiola.

Il famosissimo agente olandese sarebbe in contatto con i bianconeri per una trattativa – più un tira e molla, al momento – che vorrebbe nuovemente Paul Pogba alla Juventus. La notizia è stata lanciata dal sito di calciomercato francese Le10sport, e parla di come la società bianconera sia alla ricerca di un attaccante. Potrebbe essere un ottimo azzardo? Sicuramente sì. Marcus Thuram è un calciatore che ha vinto l’Europeo Under-19 con la sua nazionale ed è un bel prospetto per il futuro. Dall’altra parte, la Juventus ha bisogno di un attaccante, dato che Gonzalo Higuaìn sembra essere pronto ad andare via da Torino.

Sopratutto, le caratteristiche di Marcus Thuram lo rendono un giocatore che aiuta parecchio la squadra, oltre a essere un ottimo finalizzatore. Idealmente parlando, qualora il trasferimento alla Juventus avvenisse, Marcus Thuram potrebbe diventre un ottimo partner d’attacco di quello che è attualmente il punto fermo della Juventus, Paulo Dybala. Analizzando, a grandi linee, la dinamica dell’attacco del Borussia Mönchengladbach proposto dall’allenatore Marco Rose, Thuram sarebbe capace di fare anche l’esterno d’attacco in un 4-3-3. Modulo che anche Sarri avrebbe scelto per la sua Juventus.

Riproponendo l’attuale dinamica di un tandem Thuram-Pléa con un giocatore molto tecnico e mobile come Paulo Dybala, ma anche come lo stesso Cristiano Ronaldo, ecco che un finalizzatore come Marcus Thuram potrebbe effettivamente essere un profilo molto valido per la Juventus dal punto di vista economico – dettaglio non da poco – e dal punto di vista del miglioramento del gioco. Certo, Borussia Mönchengladbach permettendo. Del resto la Juventus non è l’unica squadra che punta il ragazzo. Anche il Liverpool sarebbe sulle tracce del giovane francese Marcus Thuram.

Leggi anche: Juventus, il bel gioco non piace così tanto

 

10 Condivisioni

Arnaldo Figoni

Sono nato a Olbia il 30 giugno 1989, ma da sempre vivo a La Maddalena. Coinvolto fin da piccolo negli sport - calcio, basket, ma anche rugby - ho sviluppato una passione per la disciplina sportiva in generale, nel conoscere e poter raccontare delle storie, coltivando il sogno nel cassetto di poter esercitare proprio la professione di giornalista.