2020 Game: il gioco più “brutto” dell’anno

0 Condivisioni

2020 Game è un videogioco creato da Max Garkavyy, che ripercorre in maniera ironica tutti i tragici eventi accaduti nel 2020, considerato da tanti un anno sciagurato. Lo stesso creatore lo definisce come «il gioco sul pazzo anno 2020».

Il videogioco è gratuito, con possibilità di donazione libera al creatore. 2020 Game presenta una semplice ma accattivante grafica pixel-art, accompagnata da orecchiabili musiche in sottofondo, che variano a seconda degli scenari. Il gioco è fruibile su computer e su smartphone. Per giocare sono sufficienti i tasti direzionali o i comandi sullo schermo del telefono cellulare.

Abbiamo ripercorso per voi, in cinque minuti di gioco, l’anno orribile che ci siamo lasciati alle spalle.

2019

2020 Game inizia restituendo una immagine serena del 2019, con tanto di musica molto rilassante in sottofondo. Il protagonista, un ragazzo con maglietta rossa, non sa quello a cui sta andando incontro…

2020, Australia

Il 2020 inizia in Australia, devastata dagli incendi. La musica cambia e il ritmo si fa più incalzante. Il protagonista si trova a dover schivare fuochi, con l’obiettivo di salvare un koala, caduto da un albero che a sua volta ha preso fuoco.

2020 game

Covid-19

Arriva il terribile virus. Il protagonista di 2020 Game deve indossare una mascherina ed evitare i virus che fluttuano nell’aria. Ci troviamo davanti alle code nei supermercati: una volta entrati raccogliamo pane, acqua, latte e tantissimi rotoli di carta igienica. Una scritta ci avvisa che siamo ready to quarantine, ovvero pronti alla quarantena.

2020 Game

Quarantena

L’avventura di 2020 Game prosegue, mostrando palestre, ristoranti e cinema chiusi. Inoltre si vedono cadere dal cielo le azioni di Google, Facebook, Apple e Amazon. Arriviamo nell’abitazione del nostro personaggio e compare la terribile scritta QUARANTINE. Per qualche istante il gioco si ferma. In sottofondo si ode un ticchettio di orologio e si vedono le scorte di carta igienica che lentamente si esauriscono. Finalmente il ragazzo può uscire di casa.

2020 game

Zoom Call

Dopo il lockdown, 2020 Game offre la visione di una natura più sana, con le montagne innevate e i delfini che nuotano felici. Il gioco prosegue con il protagonista che raccoglie barili di petrolio, che valgono “zero dollari”.  Il nostro protagonista arriva poi davanti ai problemi delle videochiamate su Zoom, tra cui connessione scarsa, rumori di sottofondo e problemi di audio.

George Floyd

Nonostante la grande ironia, la serietà non manca. Il protagonista si trova davanti a un murale di George Floyd. In questo punto del gioco, per rispetto, la musica si ferma.

Elezioni USA

Dopo aver incontrato antenne 5G che spargono il virus, essere passato attraverso un grande schermo che simboleggia lo sviluppo di TikTok e aver affrontato alluvioni, il protagonista arriva davanti a Donald Trump e Joe Biden. I due cominciano letteralmente una corsa verso la Casa Bianca, che viene vinta da Biden.

La seconda ondata

A questo punto di 2020 Game, il protagonista si trova a dover fronteggiare la temuta seconda ondata di coronavirus. Ha però una potente arma a disposizione: il vaccino. Raccolta la fiala, il ragazzo con la maglietta rossa comincia a “sparare” siringhe contro il virus, che viene distrutto. Una volta arrivato a casa, festeggia il capodanno e si augura che il 2021 sia migliore dell’anno appena trascorso.

E il 2021?

Esattamente come nel 2020, anche nel 2021 il protagonista non sa ciò che lo attende. Il gioco si interrompe qui. La visuale si sposta sul 2021, che viene raffigurato in modo tutt’altro che rassicurante: incendi, invasione di zombie, alieni e draghi.

0 Condivisioni

Marco Capriglio

Capo Ufficio Stampa di theWise, sono nato a Scandiano (RE), nella terra di Lazzaro Spallanzani e dell'Orlando, nel 1996. Laureato in Scienze dell'Educazione e laureando in Scienze Pedagogiche presso l'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, sono un educatore e sogno la cattedra come docente di sostegno.