Demenza: 6 alimenti che limitano il rischio di questa malattia, lo studio

Sei alimenti, peraltro molto gustosi, che limitano il rischio di demenza, soprattutto in età avanzata. Ecco quali sono.

Alimenti mirati per la mente. Ebbene sì, il nostro modo di mangiare può incidere non poco sulla nostra salute mentale e cerebrale. Non si tratta solo di benessere, ma anche di prevenzione. Ecco sei alimenti che limitano il rischio di sviluppare la demenza in età avanzata.

Demenza, alimenti
Sei alimenti contro la demenza – (thewisemagazine.it)

Un numero crescente di studi scientifici sta confermando l’importanza di una dieta equilibrata non solo per il benessere fisico, ma anche per preservare la salute mentale. In particolare, emerge sempre più chiaramente il legame tra alimentazione e il rischio di demenza, una malattia neurodegenerativa che colpisce milioni di persone in tutto il mondo.

Adottare una dieta che include regolarmente questi alimenti può rappresentare un passo significativo nella prevenzione della demenza. Tuttavia, è importante sottolineare che una dieta sana dovrebbe essere affiancata da altri stili di vita sani, come l’esercizio fisico regolare e il controllo della pressione sanguigna, per massimizzare i benefici per la salute mentale. Consultare un professionista della salute è sempre consigliato prima di apportare modifiche significative alla propria dieta. Esploriamo insieme alcuni alimenti che, secondo la ricerca, possono contribuire a ridurre il rischio di demenza.

Sei cibi che limitano il rischio di demenza

I pesci grassi come il salmone, la trota e il tonno sono ricchi di acidi grassi omega-3, noti per il loro ruolo benefico nel mantenere la salute cerebrale. Gli omega-3 favoriscono la riduzione dell’infiammazione e il miglioramento della comunicazione tra le cellule cerebrali, proteggendo così il cervello dal deterioramento.

Demenza, alimenti
Le noci, tra gli alimenti che contrastano la demenza – (thewisemagazine.it)

Fagioli e legumi sono un’altra importante aggiunta dietetica se speri di preservare la tua salute cognitiva mentre invecchi. Secondo uno studio del 2023 pubblicato sull’European Journal of Clinical Nutrition , le persone senza una storia di ictus che consumavano fagioli regolarmente avevano un rischio significativamente inferiore di sviluppare demenza invalidante, rispetto a coloro che non lo facevano.

Mentre i ricercatori hanno notato una riduzione del rischio di demenza dell’11% per ogni 5% di calorie provenienti da proteine ​​animali anziché da carboidrati, hanno riscontrato una riduzione del rischio di demenza del 26% per ogni 5% di calorie provenienti da proteine ​​vegetali anziché da carboidrati

Noci, semi di lino, e semi di chia sono ottime fonti di acidi grassi omega-3 e vitamina E, entrambi noti per i loro benefici per la salute cerebrale. La vitamina E, in particolare, è associata alla riduzione del declino cognitivo legato all’età.

Spinaci, cavoli e altre verdure a foglia verde sono ricche di folati, importanti per la salute cerebrale. I folati svolgono un ruolo chiave nella riduzione dei livelli di omocisteina, un composto che può danneggiare i vasi sanguigni e compromettere la circolazione cerebrale.

Mangiare cereali integrali ricchi di fibre può anche proteggere dalla demenza, suggerisce uno studio del 2023 . Lo studio ha esaminato i dati di 2.958 soggetti della Framingham Offspring Cohort e ha scoperto che le persone che mangiavano regolarmente cereali integrali avevano un rischio ridotto di declino cognitivo.

Infine, un caposaldo della dieta mediterranea, ormai unanimemente considerata un toccasana per la salute: l’olio d’oliva. Uno studio recente ha scoperto che consumare solo un cucchiaio di olio d’oliva al giorno potrebbe ridurre il rischio di morire di demenza del 28%.

Impostazioni privacy