Carpi, chi ben comincia è a metà dell’opera

0 Condivisioni

theWise Magazine seguirà per tutto l’arco della stagione il campionato del Carpi: ecco com’è andata la prima giornata per i biancorossi

Come i nostri lettori ormai sapranno, theWise Magazine ha l’onore di poter collaborare con il Carpi F.C. svolgendo il ruolo di media partner e sponsor del club di Serie B. Una collaborazione che mira ad un percorso di qualità da svolgere insieme con ardore, forza di volontà e immensa voglia di stupire. La strada è lunghissima, probabilmente ricca di insidie e momenti altamente delicati. Ma il Carpi ha cominciato benissimo il suo campionato 2017-2018, cogliendo una vittoria importante contro una squadra preparata e collaudata quale risulta essere ormai da anni il Novara. Si dice che chi comincia è a metà dell’opera e, ovviamente, non possiamo che sperare lo stesso riguardo le ambizioni del club biancorosso.

Il progetto del Carpi, da sempre gestito con serietà e impegno, quest’anno riparte principalmente da qualche svolta interna e dai giovani. Alcuni punti fermi degli exploit riguardanti le ultime stagioni hanno salutato senza rancore, come l’ex direttore sportivo Romairone e l’ex tecnico Fabrizio Castori. Al posto dell’allenatore dei miracoli è stato chiamato mister Antonio Calabro. Per molti una vera e propria scommessa, data la prima esperienza in Serie B dopo tanti anni alla Virtus Francavilla. Per il Carpi semplicemente un’eccellenza da valorizzare, in pieno connubio con l’assetto societario e morale del club.

Alcune cessioni, molti acquisti, un mix di gioventù ed esperienza. Un punto interrogativo per gran parte degli addetti ai lavori: quale potrà essere l’obiettivo per la stagione attualmente in essere? L’inattesa ma voluta finale playoff dello scorso anno sarà ripetibile? Tutte domande a cui, ovviamente, risulta difficile rispondere nel mese di agosto. Durante l’estate il Carpi non si è però perso d’animo, arrivando competitivo e battagliero alla prima giornata di Serie B svoltasi nella serata di ieri. Un turno che, come dicevamo, ha già regalato un grande sorriso a tutti i tifosi della squadra.

Buona la prima

Carpi

FOTO: Carpi F.C. 1909

Sugli spalti entusiasti del Cabassi al Carpi è bastata la rete di Giancarlo Malcore, nuovo numero 9 dei Falconi, che con una bordata devastante da distanza siderale ha battuto il portiere avversario firmando il gol del definitivo vantaggio. Arrivato dal Manfredonia e protagonista anche nel pre-campionato (da ricordare, ad esempio, il suo bel gol nell’amichevole contro il Napoli), Malcore si candida ad essere certamente uno dei volti più riconoscibili del nuovo Carpi. E nel post partita l’attaccante non ha potuto trattenere la gioia per l’essere stato immediatamente decisivo: «Si tratta certamente di un inizio importante per me perché mi sono preso tante rivincite in queste settimane. Oggi sta passando un treno e io ho preso il biglietto, ora bisogna arrivare in alto. Sono qui dopo tanti anni di sacrifici e ora non mi accontenterò di nulla. La partita è stata abbastanza combattuta ma vincere soffrendo è più bello, ve lo posso assicurare. Il gol? Quando ho visto lo spazio ho tirato ed è andata bene!»

Malcore non è stato però l’unico a parlare in casa Carpi. Ci ha messo faccia e voce anche Simone Colombi, portiere che quest’anno è chiamato al difficile compito di sostituire l’ormai ex Vid Belec. E la prima gara ha testimoniato ancora una volta le qualità di questo giocatore, che ha portato a casa il primo clean sheet della sua stagione anche grazie a interventi piuttosto decisivi. «L’importante è essere riusciti a portare a casa la gara» ha spiegato il ragazzo, «abbiamo forse sofferto un po’ troppo ma ci sta perché siamo all’inizio, era importante lanciare subito un segnale al campionato. Nel mercato è arrivato un allenatore con una mentalità bellissima, è tosto ma cerca di farci giocare: cercheremo di mettere in pratica quello che ci chiede. Veniamo da anni di gioco diverso, più difensivo, ma con il lavoro settimanale capiremo meglio tutti i meccanismi».

Proprio il neo tecnico Calabro si è concesso alcune valutazioni dopo la vittoria: «Non ho mai vinto una partita senza soffrire, dobbiamo costruire la base del gruppo su questa mentalità. Abbiamo fatto una grande partita al massimo delle possibilità del momento, devo fare i complimenti ai ragazzi. Se giocheremo con intensità e con concentrazione sono sicuro che i risultati arriveranno» ha rivelato il tecnico pugliese.

Il Carpi raccoglie dunque i primi tre punti del suo campionato. Un punto di partenza e certamente non di arrivo per una compagine estremamente affamata e desiderosa di stupire il calcio italiano. In una Serie B competitiva mai come quest’anno, con squadre esperte e vincenti quali Palermo, Empoli, Perugia, Frosinone e Parma, per il Carpi sarà fondamentale credere sempre nel risultato al fine di trovare gloria nel percorso intrapreso. Ma è bene ripeterlo: se chi ben comincia è a metà dell’opera, per il Carpi questo primo passo potrà diventare qualcosa di molto più bello nel prossimo futuro.

Tabellino Carpi-Novara

FORMAZIONE CARPI (4-4-2): Colombi; Jelenic, Anibal, Sabbione, Poli; Hraiech, Pachonik, Verna, Pasciuti (64′ Romano); Malcore (80′ Carletti), Mbakogu (69′ Bittante). All. Calabro.

FORMAZIONE NOVARA (3-5-2): Montipo; Troest, Mantovani, Tartaglia (5′ Di Mariano); Chiosa, Orlandi (75′ Schiavi), Casarini, Ronaldo, Calderoni; Macheda, Sansone (64′ Da Cruz). All. Corini.

AMMONITI: Malcore, Colombi, Romano (C) – Chiosa (N).

MARCATORI: 4′ Malcore (C).

ARBITRO: Balice.

0 Condivisioni

Claudio Agave

Studente presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università Parthenope di Napoli. Giornalista pubblicista dal febbraio 2017 dopo una lunga ma utile gavetta. Scrittore, con almeno due romanzi già in cantiere e alcune partecipazioni attive a progetti letterari. Ho gli interessi di molti (cinema, serie tv, doppiaggio, sport) e l'ambizione di voler vivere facendo ciò che amo. Insomma, in pillole: scrivo pezzi, faccio cose, vedo gente.