Renzo Arbore non dimentica, fatto fuori all’improvviso: il motivo è agghiacciante

In questi primi giorni dell’anno Renzo Arbore festeggerà i suoi primi 60 anni di televisione ma non sono sempre state tutte rose e fiori.

L’amatissimo autore, conduttore, comico e musicista è uno dei personaggi storici della televisione italiana e nel corso della sua carriera ha dato vita a programmi che sono rimasti nella memoria collettiva di tante generazioni.

Renzo Arbore racconto agghiacciante del passato
Renzo Arbore Thewisemagazine.it

Proprio per celebrare questo traguardo la Rai ha affidato ad Arbore una seconda edizione di un programma che ha riscosso un grande successo nella sua prima edizione: Appresso alla Musica, che Arbore ha condotto con l’inseparabile percussionista Gegé Telesforo, con Arbore fin dagli esordi della sua carriera.

La nuova edizione partirà martedì 4 Gennaio in seconda serata, appena un giorno dopo un altro anniversario importante, quello dei settant’anni dalla nascita della RAI. Anche quest’anno il programma riproporrà spezzoni di vecchie trasmissioni, accuratamente conservati nelle preziosissime teche RAI, il deposito delle vecchie e vecchissime pellicole dei programmi realizzati nella storia della TV pubblica italiana.

Arbore si è detto felicissimo di avere l’opportunità di tornare sul palinsesto con un nuovo programma, convinto che sarà ancora una volta un grandioso successo. Quest’anno Arbore avrà l’opportunità di proporre ai telespettatori spezzoni tratti dai 21 programmi televisivi originali ideati e condotti da lui, da Quelli della Notte a L’Altra Domenica.

Nonostante il fatto che Arbore definisca quello con la Rai un matrimonio lungo e felice, il presentatore ha però avuto modo di raccontare anche di un brutto episodio che lo costrinse ad allontanarsi dalle scene televisive per un motivo assurdo.

Renzo Arbore: cinque anni in esilio

L’episodio risale al 1971, quando Arbore lavorava in RAI già da dieci anni. All’epoca il conduttore era impegnato con l’amico di sempre Gianni Boncompagni, che aveva sostenuto con lui l’esame per essere assunto in RAI.

renzo arbore fatto fuori all'improvviso
Renzo Arbore -Fonte IG @renzoarboreofficial – thewisemagazine.it

Quell’anno Arbore e Boncompagni fecero Canzonissima, varietà musicale che conteneva anche vari sketch comici. Uno di questi, che fu interpretato dal comico Giorgio Bracardi, prevedeva il lancio di numerosi rotoli di carta igienica sul palco.

Per la RAI, ma soprattutto per la morale dell’epoca, quella scena fu considerata molto sconveniente e di cattivo gusto e, per questo motivo, i piani alti dell’azienda decisero di “esiliare” Arbore e Boncompagni.

I due non furono chiamati a lavorare in RAI per ben cinque anni, durante i quali dovettero accontentarsi di lavorare in radio. “Sia io che Boncompagni ne abbiamo sofferto, ma poi nel 1976 mi richiamarono. Per quell’occasione inventai L’Altra Domenica e fu un grandissimo successo. Diciamo che quell’incidente di percorso fu poi dimenticato” ha dichiarato Arbore al settimanale Diva e Donna.

Impostazioni privacy