Puoi ottenere subito un risarcimento dal tuo amministratore di condominio: come fare richiesta

Sapevate che potete ottenere subito un risarcimento dal vostro amministratore di condominio? Ecco come fare subito richiesta.

Quando si decide di andare a vivere in condominio, bisogna tenere conto dell’insieme di norme e regole che vanno necessariamente rispettate. Sia quelle a livello di Legge che quelle inserite all’interno di un codice personalizzato, che l’amministratore ha il compito di gestire e far rispettare. E nel caso in cui ci siano violazioni, c’è il rischio di ricevere pesanti sanzioni.

Così potete fare richiesta e ottenere un risarcimento dall'amministratore del condominio
Ecco come ottenere un risarcimento dall’amministratore del condominio – TheWisemagazine.it

Al tempo stesso però, dovete sapere che anche per gli altri condomini c’è la possibilità di ottenere un risarcimento nel caso ci siano delle incongruenze con quanto avvenuto rispetto a ciò che viene definito nelle regole. Ecco come fare subito richiesta per ottenere un risarcimento dal vostro amministratore di condominio, si tratta di una via che non viene praticata mai da nessuno ma che in realtà rientra a pieno dei vostri diritti. Vi basta seguire questi semplici passaggi ed il gioco è fatto.

Risarcimento dall’amministratore di condominio: come fare richiesta

Sapevate che c’è la possibilità per un qualsiasi condomino di fare richiesta per ottenere un risarcimento da parte dell’amministratore di condominio. A parlarne è stata l’avvocato Maria Greco all’interno della sua rubrica sul settimanale DiPiù. L’avvocato ha dato una risposta esplicativa nella quale ha potuto specificare tutte le modalità per poter ottenere la somma prevista.

Risarcimento dall'amministratore del condominio: come effettuare richiesta
In quali casi specifici è possibile richiedere un risarcimento – TheWisemagazine.it

In particolare, la nuova legge sul condominio ha stabilito per l’amministratore l’obbligo di recuperare tutte le quote non versate dai vari condomini entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio in cui sono maturate. A meno che non ci sia stata un’assemblea con modifiche approvate dalla maggioranza.

E se si arriva alla definitiva impossibilità per il condominio di recuperare i propri crediti, ecco che la responsabilità ricade tutta sull’amministratore. In questo caso specifico, la Cassazione ha di recente precisato con un provvedimento che è previsto un risarcimento per il recupero delle spese condominiali. Pensate che, in un caso recente che è stato esaminato dai Supremi giudici, un amministratore è stato condannato a versare oltre 20mila euro al condominio da lui amministrato.

Ecco perché dovreste sempre analizzare al meglio l’operato di chi gestisce la vostra abitazione e ha il compito di far rispettare ogni singola normativa prevista dal codice dedicato. Nel caso di incongruenze, potete pensare di procedere con una richiesta formale per ottenere un rimborso in tempi celeri.

Impostazioni privacy