Politica e magistratura contro: come Salvini genera il consenso

«L’attenzione e la sensibilità agli effetti della comunicazione non significa orientare le decisioni giudiziarie secondo le pressioni mediatiche né, tanto meno, pensare di dover difendere pubblicamente le decisioni assunte. La magistratura, infatti, non deve rispondere alle opinioni correnti perché è soggetta soltanto alla legge». Le parole di Sergio Mattarella ai vecchi e nuovi membri del Csm riuniti al Quirinale tornano … Leggi tutto

Impostazioni privacy