Abito di società, lo smoking: theSmartWise

Abito di società, lo smoking: theSmartWise
0 Condivisioni

Nella stessa rubrica:

Accessori vintage da riscoprire Buone maniere a tavolaGuida al cappello da uomo

Nell’ambito della rubrica theSmartWise, andremo a illustrare le caratteristiche e le peculiarità dei tre abiti di società maschili, ovvero il frac, il tight e lo smoking. In questo articolo, partiamo proprio da quest’ultimo.

Lo smoking è un abito completo da uomo, indicato per le occasioni formali che si tengono dopo il tramonto. Si indossa per le cene di gala o per le seconde teatrali. Per le prime è consigliato l’ancor più formale frac.

Storia

Lo smoking nasce come una giacca da mettere sopra all’abito da sera, quando gli uomini facoltosi dell’Ottocento si ritrovavano nello studio dopo una cena a fumare sigari e bere alcolici. Il suo nome originario era infatti smoking jacket.

Lo smoking non è mai stato un abito codificato formalmente, fino alla fine dell’Ottocento, quando un sarto inglese dal nome Henry Poole confezionò una giacca per il principe di Galles, futuro re Edoardo VII. Il sarto prese di fatto la giacca del frac, alla quale tagliò le code. Da lì questo capo d’abbigliamento si espanse in America e in Europa. Negli Stati Uniti è conosciuto con il nome di tuxedo, mentre in Inghilterra prende il nome di dinner jacket.

Composizione

Nonostante lo smoking non sia un abito strettamente codificato, vi sono alcuni elementi che non possono mancare per la composizione di uno smoking elegante.

smoking
Le parti che compongono uno smoking elegante.

La giacca

La giacca dello smoking è una giacca monopetto o, eventualmente, doppio petto. Essa è di colore nero, senza spacchi e presenta tasche lineari. I bottoni e i revers della giacca devono essere rivestiti in seta. Le tipologie di revers accettate sono due. La prima è detta a lancia, con punte sporgenti verso le spalle, mentre la seconda si definisce a scialle, molto più simile ad una vestaglia.

La giacca si porta sempre chiusa quando è a doppio petto, mentre, se monopetto, si può sbottonare quando ci si siede. I colori indicati per lo smoking sono il nero, il blu notte o il bianco in caso di cerimonie estive.

La camicia

La camicia è obbligatoriamente bianca, con però alcune caratteristiche particolari. Prima di tutto deve essere una camicia che preveda l’utilizzo di gemelli da polso. La camicia deve poi avere il cosiddetto colletto diplomatico, quello con le alette sporgenti, e bottoni non in vista, a meno che non siano bottoni preziosi. Per questo le camicie da smoking hanno un lembo di tessuto che ricopre i bottoni. Inoltre, la camicia potrà avere uno sparato bianco liscio, oppure plissettato, un tocco originale per creare un po’ di movimento.

Il papillon

Il papillon deve essere sempre nero. Proprio da questo deriva il termine anglosassone black tie, termine utilizzato per definire il dresscode di una festa, quando si vuole che tutti gli invitati siano vestiti allo stesso modo. Il farfallino deve essere possibilmente da annodare, mai preconfezionato.

smoking
Colletto diplomatico con papillon nero.

La fusciacca e il panciotto

Altro grande dettaglio sono il panciotto e la fusciacca. Essi rappresentano l’uno l’alternativa all’altro e vanno portati sotto la giacca monopetto. Il panciotto da smoking è particolare. Anch’esso di colore nero, è tagliato su misura e non si vede quando la giacca è indossata.

La fusciacca invece consiste una fascia di raso di seta dello stesso colore del papillon. Questo particolare è considerato particolarmente elegante soprattutto nei Paesi anglosassoni, poiché ricorda le uniformi degli ufficiali delle truppe inglesi in India durante la Prima Guerra Mondiale.

I pantaloni

Anche i pantaloni dello smoking sono particolari. Essi sono neri, dello stesso tessuto della giacca e sulla loro cucitura laterale, per tutta la lunghezza della gamba, è fissato un gallone, ovvero una striscia di seta nera. I pantaloni dello smoking non hanno passanti perché vanno indossati con le bretelle, nere e sottili.

Le scarpe

Le scarpe da abbinare allo smoking sono nere, tirate a lucido. Possono essere stringate o meno, ma senza fantasie o ricami. Le calze sono nere, lunghe fino al polpaccio. Oggi queste sono autoreggenti, mentre in passato gli uomini usavano un reggicalze.

smoking
Il presidente Ronald Reagan con Audrey Hepburn e Robert Wolders (1981). Fonte: Wikimedia Commons.

Altri accessori

Abbinato allo smoking si potranno indossare un fazzoletto da taschino, di colore bianco, o un fiore all’occhiello, di colore rosso. Non si indossano mai spille o stemmi di riconoscimento sui baveri della giacca. Si può abbinare un orologio, sottile e con cinturino in pelle nero, oppure un elegante orologio da taschino.

Nella stagione invernale il cappotto deve essere di taglio classico, in colori scuri. Eventualmente si può indossare una sciarpa bianca, un paio di guanti in pelle neri e un cappello fedora o una bombetta.

0 Condivisioni

Pubblicato da Marco Capriglio

Capo ufficio stampa di theWise Magazine, sono nato a Scandiano (RE), nella terra di Lazzaro Spallanzani e dell'Orlando Innamorato. Laureato in Scienze dell'Educazione e laureando in Scienze Pedagogiche presso l'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, sono un educatore e sogno la cattedra come docente di sostegno.