Autore: Carlotta Betti

sahar 1

Sahar voleva solo vedere la partita

In seguito alla Rivoluzione del 1979, ad opera dello sciita Ruhollah Khomeini, in Iran alle donne è stato proibito l’accesso agli stadi, in modo da proteggerle dalle volgarità del linguaggio e dalla vista degli...

adrian

La lunga notte di gloria di Adrián

Qualche volta, lo sport ci regala momenti particolarmente emozionanti. Storie a lieto fine che sembrano uscite dalla penna di qualche autore televisivo. Così è stato il post-partita di Liverpool-Chelsea. I Reds hanno appena vinto...

rapinoe

Megan Rapinoe, una protesta vivente

“A walking protest“. Nel settembre 2016, in un’America scossa dalle proteste dei giocatori della NFL, Megan Rapinoe decise di spogliarsi del suo ruolo di American hero e di diventare una protesta che cammina. Pochi...

happy hand 1

Happy Hand: a Bologna lo sport è per tutti

Un weekend per abbattere le barriere tra sport olimpici e paralimpici sotto il patrocinio del CONI, del Comitato Italiano paralimpico e della Federbasket. Anche quest’anno, alla sua nona edizione, Happy Hand ha saputo creare...

Correa 2

Joaquín Correa: tutti pazzi per El Tucu

Dalla prima adolescenza lo chiamano “El Tucu”, abbreviazione di tucumano, a ricordargli le sue origini. Joaquín Correa è nato in una piccola città della regione del Tucumán. Meno di venticinquemila abitanti. Come dev’essergli parso...

dijks

Mitchell Dijks: un animale in fascia

Qualcuno lo chiama “il Trattore”, ma a lui piace di più il soprannome che gli hanno dato i suoi compagni di squadra. «Mi chiamano “Animale”» dice, sorridendo. Quel che è certo è che, partita...